6 Gennaio 2016 Lago della Vacca – Rif. Tita Secchi (2367 m)
Difficoltà percorso
Dislivello
Tempo
Attrezzatura
Trasporto
Accompagnatori
Ritrovo
EAI
900 m
5 ore a/r
Ciaspole, ARTVA, pala, sonda
Mezzi propri
Gelfi R – Avancini S – Saiani R
Breno sede CAI ore 8.00
Da Bazena, percorriamo il tragitto che, attraverso la Val Fredda e il passo Mattoni, scende in val Cadino, risale la testata della valle fino al Passo della Vacca ed in breve giunge al lago e al rifugio Tita Secchi.
23 Gennaio 2016 Bazena – ciaspolata notturna (2168 m)
Difficoltà percorso
Dislivello
Tempo
Attrezzatura
Trasporto
Accompagnatori
Ritrovo
EAI
400 m
2 ore
Ciaspole, ARTVA, pila frontale
Mezzi propri
Gelfi R – Saiani R – Avancini S
Bazena ore 17.30
Ci si ritrova nel piazzale di Bazena entro le ore 17.30, poi tutti insieme si percorre l’itinerario segnalato dalle torce. Il percorso indicativamente passerà per la Val Fredda e passo Mattoni ma verrà definito con precisione in base alle condizioni nivo-meteo.
Seguirà la cena su prenotazione per chi vorrà continuare la serata in allegra compagnia!
9 Febbraio 2016 Monte Altissimo (1700 m)
Difficoltà percorso
Dislivello
Tempo
Attrezzatura
Trasporto
Accompagnatori
Ritrovo
EAI
700 m
4 ore a/r
Ciaspole, ARTVA, pala, Sonda, pila frontale
Mezzi propri
Saiani R – Avancini S
Breno sede CAI ore 18.00
Risalita delle piste da Borno. Nel silenzio della sera raggiungiamo l’Altissimo, bellissima dall’alto tutta la media Val Camonica illuminata. Spaghettata prima di prendere la via di discesa.
6 Marzo 2016 Val Grande – Rif. Occhi (2047 m)
Difficoltà percorso
Dislivello
Tempo
Attrezzatura
Trasporto
Accompagnatori
Ritrovo
EAI
850 m
5 ore a/r
Ciaspole, ARTVA, pala, sonda
Mezzi propri
Pedersoli D – Risi O
Breno sede CAI ore 7.30
Meta di questa escursione è il rifugio Saverio Occhi. La partenza dalla frazione di Tu, posta a monte di Vezza d’Oglio. Calzate le ciaspole sopra le ultime case prendiamo una stradina che sale fino a raggiungere il bosco costituito da larici e abeti. La traccia continua con direzione nord e giunge nei pressi della cappelletta detta dell’Acqua Calda.
Tratti dolci si alternano a ripidi, incontriamo varie baite, ed in successione il pianoro Scudeller, il pascolo di Casera Tonale (mt.1673), la Cappella del’Alpe Caret (mt.1726), la malga di Val Grande (mt.1785) ed infine il Plazzo dell’Asino ove sorge il rifugio Saverio Occhi.
28 marzo 2016 Gavero (2168 m)
Difficoltà percorso
Dislivello
Tempo
Attrezzatura
Trasporto
Accompagnatori
Ritrovo
EAI
1000 m
6 ore a/r
Ciaspole, ARTVA, pala, sonda
Mezzi propri
Gelfi R – Avancini S
Breno sede CAI ore 8.00
Da Bazena saliamo a malga Valfredda e proseguiamo verso destra fino al passo Mattoni (o delle capre) 2168 m, punto più elevato del percorso. Discesa a malga Cadino e dopo un tratto innevato di strada e l’inizio discesa a bordo piste sci, seguiamo la traccia nel bosco fino in Gaver. Ritorno con lo stesso percorso.
Gianmario Salvetti

Author Gianmario Salvetti

More posts by Gianmario Salvetti

Leave a Reply